R-Roscovitine prolunga la sopravvivenza, ripristina la comunicazione tra neurone e muscolo nei topi SMA

Secondo un recente studio R-Roscovitine, una piccola molecola che promuove l’ingresso del calcio nelle cellule nervose, ripristina la comunicazione neurone-muscolo, riduce la perdita dei motoneuroni e prolunga la sopravvivenza nei topi con atrofia muscolare spinale (SMA).

I ricercatori hanno affermato che questa molecola potrebbe supportare altre terapie per la SMA, come Spinraza e Zolgensma, che impiegano più tempo a produrre gli effetti desiderati nel corpo.

Lo studio, “R-Roscovitine Improves Motoneuron Function in Mouse Models for Spinal Muscular Atrophy“, è stato pubblicato sulla rivista iScience.

La perdita dei motoneuroni – cellule nervose specializzate che controllano i movimenti volontari dei muscoli – e problemi nella comunicazione tra neuroni e muscoli sono entrambi tratti distintivi della SMA.

Come noto, la SMA è una malattia genetica neurodegenerativa normalmente causata da mutazioni del gene SMN1 che compromettono la produzione della proteina SMN. Sebbene ciò sia noto da molti anni, non è ancora chiaro come la mancanza della proteina SMN comprometta la funzione dei motoneuroni.

Studi su modelli murini SMA hanno mostrato che i motoneuroni dei topi avevano un numero ridotto di canali del calcio voltaggio-dipendenti, cruciali per la trasmissione dei segnali nervosi. Questi canali per il calcio sono passaggi specializzati situati nella membrana delle cellule eccitabili – ovvero le cellule che possono essere stimolate a creare una piccola corrente elettrica – tra cui cellule muscolari e neuroni, che consentono agli ioni calcio (Ca2+) di fluire nelle cellule.

Una carenza simile di canali del calcio è stata anche segnalata nella giunzione neuromuscolare, che è il sito in cui i terminali dei motoneuroni comunicano con le cellule muscolari e rilasciano segnali per innescare la contrazione muscolare.

Complessivamente, questi risultati suggeriscono che i problemi nel trasporto degli ioni calcio nei neuroni potrebbero essere alla base del malfunzionamento e della perdita dei motoneuroni nelle persone con SMA.

Ora i ricercatori dell’ospedale universitario di Würzburg, in Germania, in collaborazione con i colleghi dell’Università di Siviglia in Spagna, hanno cercato di verificare se ripristinare il normale flusso di calcio sarebbe sufficiente per compensare i difetti dei motoneuroni associati alla SMA.

Il team ha trattato diversi modelli di topi SMA con una piccola molecola chiamata R-Roscovitine. Questa molecola ritarda l’inattivazione dei canali del calcio, mantenendoli aperti per periodi di tempo più lunghi e aumentando l’afflusso (ingresso) di ioni calcio nei neuroni.

I risultati hanno mostrato che il trattamento con R-Roscovitine ha prolungato la sopravvivenza dei topi malati e ridotto la perdita dei motoneuroni nella corda spinale degli animali.

Inoltre ha stimolato la comunicazione tra i motoneuroni nel midollo spinale in corrispondenza di giunzioni speciali chiamate sinapsi. Secondo i ricercatori la molecola è persino in grado di “svegliare” sinapsi dormienti.

R-Roscovitine ha anche ripristinato la comunicazione tra neuroni e muscoli nella giunzione neuromuscolare, aumentando il numero di terminazioni nervose motorie attive e stimolando il rilascio di neurotrasmettitori, sostanze chimiche che consentono alle cellule nervose di comunicare.

È stato anche scoperto che il trattamento aumenta il segnale del calcio e promuove la differenziazione di motoneuroni murini in coltura.

Sulla base di questi risultati il team ha concluso che questi effetti sono principalmente mediati dalla capacità di R-Roscovitine di promuovere l’afflusso di calcio nei motoneuroni. I ricercatori sostengono che potrebbero essere coinvolti anche altri meccanismi, ma per una maggiore comprensione saranno necessarie ulteriori ricerche.

“Tutto considerato, R-Roscovitine potrebbe supportare le attuali terapie disponibili per la SMA con oligonucleotidi antisenso [Spinraza] o trasferimento del gene SMN tramite un virus adeno-associato [Zolgensma]”, hanno detto i ricercatori.

Ciò significa che per i pazienti in trattamento con Spinraza o Zolgensma, R-Roscovitine potrebbe essere utile in una fase iniziale, in attesa che i farmaci producano effetti apprezzabili, ha concluso il team.

Oltre alla SMA, R-Roscovitine potrebbe essere utile anche per altre malattie dei motoneuroni associate a difetti nel trasporto del calcio.

Fonte: https://smanewstoday.com

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

I nostri progetti

La tintarella accessibile

Abbiamo un progetto ambizioso: costruire una guida alle spiagge accessibili d'Italia.

Ci aiuti?

Progetto NINeR

NINeR ha come scopo quello di portare avanti programmi di ricerca clinica in ambito neuromuscolare, accelerando sia i tempi di somministrazione degli attuali trattamenti sia quelli di approvazione di nuove sostanze.

Scopri di piùDona subito

La box del FisioTè

Il FisioTè è una box omaggio da donare allə sociə e alle persone con SMA che ne faranno richiesta.

Richiedi la tua!

Fai una donazione ad ASAMSI

Puoi effettuare una donazione sicura (e deducibile dalle tasse) in molti modi diversi!

Scopri quali!