Staminali al Civile, la parola passa al Tar

È attesa fra sessanta giorni la sentenza del TAR che vede protagonisti l’Agenzia nazionale del farmaco (Aifa), che vieta agli Spedali Civili di Brescia di utilizzare cellule umane coltivate con il metodo di “Stamina Foundation”, e le numerose sentenze dei Tribunali civili di tutta Italia che accolgono le istanze, imponendo all’ospedale di accogliere e curare pazienti con quel preciso metodo.
Una situazione difficile e delicata, la cui sentenza potrebbe cambiare le sorti di molti malati.
Ieri, interrogato dal Presidente della prima sezione del Tar Giuseppe Petruzzelli, l’avvocato Mangia degli Spedali Civili ha velatamente ammesso che: «Dopo le prime infusioni si vedano risultati positivi sui pazienti, anche se non in modo analogo per tutte le malattie».
Sotto riportiamo il link dell’articolo completo apparso ieri su Bresciaoggi.it.

Link: Bresciaoggi.it

06 Marzo 2013 Elisa Vavassori

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram